LA DANTE IN CAMBRIDGE GRAZIE ALLA SUA TRASFORMAZIONE DIGITALE E` FINALISTA PER DUE PREMI CAMBRIDGE INDIPENDENT

I vincitori dei riconoscimenti “Business Chameleon ” e “Lockdown Leader” saranno annunciati il ​​17 febbraio 2022 presso l’Imperial Museum Duxford, nel Regno Unito

 

LA DANTE IN CAMBRIDGE GRAZIE ALLA SUA TRASFORMAZIONE DIGITALE E` FINALISTA PER DUE PREMI CAMBRIDGE INDIPENDENT

I vincitori dei riconoscimenti “Business Chameleon ” e “Lockdown Leader” saranno annunciati il ​​17 febbraio 2022 presso l’Imperial Museum Duxford, nel Regno Unito

 

Il 2022 è iniziato con una certa eccitazione a La Dante di Cambridge, Centro Culturale Europeo, dopo due anni di trasformazione online, riqualificazione, costruzione di nuove piattaforme e un approccio completamente nuovo per offrire ai propri studenti un’esperienza di apprendimento delle lingue online completa, in tutto simile alle lezioni in presenza. Il centro culturale e scuola di lingue diretto dalla Fondatrice Giulia Portuese, infatti, celebra due nomination per i Cambridge Independent SME Cambridgeshire Business Awards 2021:  nello specifico per il “Business Chameleon” e come “Lockdown Leader”. Questi premi omaggiano le piccole e medie imprese che hanno superato le difficoltà sorte durante l’emergenza Covid19 negli ultimi due anni: in particolare, riconoscono come l’azienda si sia dimostrata resiliente e sia riuscita ad affrontare il periodo economico difficile, e come il team e la leadership abbiano avuto un ruolo chiave nella trasformazione.

La Dante di Cambridge da oltre 13 anni promuove lingue e culture italiana, spagnola e inglese con un mix di lezioni online e in presenza condotte da insegnanti madrelingua entusiasti. Inoltre i suoi podcast di Radio Dante contribuiscono a sviluppare le capacità di ascolto e comprensione degli studenti, mentre si sta  sviluppando anche la app Ryze de La Dante: un’ applicazione di apprendimento tascabile, sviluppata con l’Università di Norwich, Cambridge e Studious.org, che offre ore di ascolto, testi, esercizi che gli utenti possono usare nel proprio tempo libero e in qualsiasi luogo. “Ricca di contenuti gratuiti, è divertente, interattiva e flessibile, – ci dice la Direttrice Portuese  – ed è stata già testata da un gruppo campione di studenti con feedback assolutamente positivi.”

 

La trasformazione digitale de La Dante, insomma,  ha portato risultati decisamente concreti negli ultimi due anni: a) La  direttrice e fondatrice è stata insignita del titolo di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia dal Presidente italiano Mattarella nel dicembre 2021 b) ed ora il centro è finalista per la categoria Business Chamelion e la Direttrice è finalista come Lockdown Leader per gli SME Awards annunciati il 22 gennaio scorso. “Stiamo aumentando la nostra influenza internazionale oltre l’Europa attirando studenti anche dal Giappone e dal Messico”. – afferma la dottoressa Portuese – “La nostra portata internazionale consente agli studenti di imparare le lingue in modo conveniente e da luoghi remoti, grazie ad una nuova piattaforma online, Plateo, che è anche un social network. Le persone imparano e allo stesso tempo fanno amicizia. I nostri podcast di Radio Dante, che sono sulle maggiori piattaforme di streaming, hanno aumentato gli ascoltatori del 69% negli ultimi due anni.”

La Dante continua a differenziarsi dalla concorrenza anche per essere Commissione Esaminatrice ufficiale per ciascuna lingua, essendo Centro Esaminatore PLIDA per l’italiano (l’unico nel Regno Unito), Centro Esaminatore DELE per lo spagnolo e Trinity College London Centre per la lingua inglese (registrazione n. 68910). La Dante offre il suo contributo anche nella formazione di giovani universitari un consolidato programma di Stage Europeo attivo dal 2010.  “Formiamo giovani laureati su marketing digitale, Google Ads, Google Analytics, sito web e SEO, competenze fondamentali in ogni attività. – ci racconta Giulia Portuese – “Dal 2010 siamo anche un Centro di formazione per insegnanti con un programma di formazione per il conseguimento degli esami CEDILS, DITALS e CLIL per insegnanti europei. Stiamo allargando il programma agli insegnanti spagnoli e italiani che utilizzano le tecniche CLIL per insegnare storia, arte, matematica in inglese a bambini e adolescenti.”

La situazione provocata dall’emergenza Covid ha senz’altro messo tutta l’azienda alla prova fornendo una grande esperienza di crescita grazie ad un team pronto e in grado di aggiornarsi costantemente per rispondere adeguatamente ai tempi. Basti pensare che dal 2010 la scuola ha sviluppato la sua attività attraverso lezioni dal vivo in cui insegnanti madrelingua formati a La Dante in Cambridge hanno sviluppato la propria tecnica di comunicazione utilizzando libri di testo fisici e con lezioni in presenza. Questo fino a marzo 2020. Una volta arrivato il Covid, è stato avviato un programma di trasformazione digitale grazie alle sovvenzioni “Digital”  del governo del Regno Unito. 10.000 sterline, infatti,  sono state investite nella creazione di una nuova piattaforma online,  Plateo, in cui studenti, insegnanti e personale di marketing potessero essere sotto lo stesso tetto, dove gli studenti potessero guardare video, avere un profilo sociale e comunicare. Il programma di riqualificazione è iniziato 3 settimane prima che il governo del Regno Unito chiudesse tutte le scuole nel marzo 2020. Gli insegnanti hanno dovuto reimparare il metodo di insegnamento utilizzando risorse digitali, producendo materiale diverso, imparando a utilizzare Zoom, con le sue aule virtuali per continuare a fornire  un’esperienza di apprendimento dinamico anche online. Anche il team di marketing e gli stagisti, naturalmente, hanno preso parte ad ore di aggiornamento e formazione nell’utilizzo della piattaforma, e per promuovere la scuola in un modo diverso soprattutto tramite strumenti come  Google Ads, Google Analytics e SEO. Ciò ha assicurato che l’azienda potesse abbracciare la tecnologia digitale più avanzata e prosperare per i prossimi 10 anni. Tutto il team, insomma, nonostante le difficoltà iniziali, ha accoltole modifiche implementate. “Ne sono molto orgogliosa – continua Giulia Portuese – La Dante ha mostrato un rapido periodo di adattabilità e cambiamento per affrontare le sfide e le opportunità del Covid-19.  Oltre a trasformare il modo in cui insegniamo le lingue, rendendolo divertente anche online per tutti, insegnanti, studenti e personale, abbiamo aiutato gli studenti che non sapevano passare direttamente al digitale, per la loro età o perché non avevano le competenze IT per cambiare così rapidamente. Lo abbiamo fatto fornendo formazione IT gratuita per Zoom Education o per conoscere Google Classroom. Ciò ha permesso a tutti di essere al sicuro in vista dell’aumento dei contagi dal 2020 in poi e alla nostra azienda di apprendere nuove competenze per la vita, rinnovandoci attraverso la formazione e l’innovazione senza il rischio di perdere il lavoro. Pensate che alla fine dei due anni non solo abbiamo mantenuto i nostri studenti di lingue ma ne abbiamo acquisito di nuovi.”

E’ chiaro che sia gli insegnanti che i membri del team di marketing abbiano colto questa opportunità` arricchendo le proprie abilità` e qualifiche professionali, ma non sono mancate anche le soddisfazioni personali: La Dante in Cambridge proprio nello stesso periodo ha, infatti, accolto nel mondo due bambini ed è attualmente in attesa di altri due.

La nostra insegnante Luisa ha dato alla luce Zoe all’inizio della primavera e Tamara il piccolo Tommaso a dicembre. Lucia ed Emilia, invece,  aspettano ciascuna il loro primo figlio in arrivo proprio nelle prossime settimane.  – ci dice la Direttrice de La Dante in Cambridge – Tutto questo ha donato una gioia immensa alla squadra e possiamo affermare che l’anno sia iniziato con grande entusiasmo ed energia per tutti.”

 

Info: italian@ladante-in-cambridge.orgwww.ladante-in-cambridge.org – +44 7887 606227

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.